Tradimento? non è colpa mia!

Il tradimento è genetico?

Per tutti i traditori incalliti ma ancora con una coscienza che non si vuole azzittire da oltreoceano provengono buone notizie, diremmo incoraggianti.
Secondo il Dott. Garcia J. della State University di New York il comportamento infedele è semplicemente una caratteristica che deriva dai geni di ognuno di noi. Sembra addirittura che chi ha questo corredo genetico particolare sia incapace di essere fedele, questo gene e’ lo stesso che è risultato essere collegato a dipendenze come il gambling e l’abuso di alcool.

L’ infausto o fausto gene secondo noi si chiama DRD4 e sui circa 200 giovani analizzati chi aveva questa variante genetica aveva il doppio di possibilità di concretizzare tradimenti e scappatelle.

Come funziona il gene del tradimento?

Quasi facile a spiegarsi. Chi lo ha nelle situazioni particolari come il sesso occasionale i tradimenti extraconiugali e le situazioni eccitanti rilascia il doppio di dopamina (sistema piacere-ricompensa) e quindi in poche parole ne trae sensazioni positive rafforzate.

Questo non vuol dire secondo sempre la ricerca dell’università americana State University a un tradimento “obbligatorio” chi ha il DRD4 è semplicemente più portato al tradimento ma non ne è assolutamente schiavo…cioè non deve tradire per forza. Visti i risultati è in corso un approfondimento su questa caratteristica genetica e quando saranno pubblicate novità aggiorneremo tutti i nostri cari traditori.

Per concludere la giustificazione scientifica per i vostri tradimenti non esiste ancora ma siamo sulla buona strada per poter dire presto…

Ti ho tradito? non è colpa mia ho il gene DRD4!